Sei in: Home > Info Flash fiscali 2017 > Provvigioni pagate l'anno successivo agli agenti
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 14-12-2017

Provvigioni pagate l'anno successivo agli agenti

Per individuare il periodo di competenza delle provvigioni dell’agente occorre distinguere tra:

  • l’imponibilità per l’Agente: si verifica con la conclusione della prestazione dell’agente, e cioè al momento della conclusione del contratto (purché siano verificati i requisiti di certezza e determinabilità oggettiva)
  • deducibilità in capo alla casa mandante: prevale il “principio di correlazione” tra costi e ricavi, secondo cui la provvigione (passiva) va contabilizzata civilisticamente e dedotta fiscalmente nell’esercizio in cui rileva il ricavo “correlato” (quando consegna la merce al cliente o ultima la prestazione di servizi procacciata).

Per quanto riguarda lo scomputo delle ritenute, dal 2017 a seguito delle modifiche portate dal D.L. 148/2017, per le ritenute operate nell’anno successivo a quello di competenza dei redditi, ma anteriormente alla presentazione della dichiarazione, i contribuenti possono scegliere di scomputarle dall’imposta relativa al periodo di competenza dei redditi ovvero da quella dovuta nel periodo in cui le ritenute sono state operate.

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

8.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi