Sei in: Home > Il Caso > Appalti Labour intensive e ritenute – la “falsa” moratoria
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 18-02-2020

Appalti Labour intensive e ritenute – la “falsa” moratoria

Appalti Labour intensive e ritenute – la “falsa” moratoria

In relazione all'applicazione delle disposizioni del nuovo art. 17-bis DLgs. 241/97 (introdotto dall’art. 4 DL 124/2019, cd. “Collegato Fiscale”), secondo quanto chiarito dalla CM 1 del 12/02/2020:

  • al committente che non abbia posto in essere controlli
  • non saranno applicate sanzioni fino al 30/04/2020 qualora:
    • l’impresa appaltatrice/subappaltatrice abbia correttamente determinato e versato le ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente/assimilato corrisposti ai lavoratori impiegati nell’esecuzione dell’opera/servizio
    • ma erroneamente abbia effettuato tale versamento non utilizzando un modello F24 per ciascun committente.

Si tratta di una falsa moratoria, in quanto riferita ad una fattispecie già non sanzionabile, in base al co. 4 del citato art. 17-bis.

 

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

8.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi