Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Legittimo il sequestro impeditivo dei bonus fiscali sul cassetto fiscale del cessionario in buona fede
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 24-11-2022

Legittimo il sequestro impeditivo dei bonus fiscali sul cassetto fiscale del cessionario in buona fede

Legittimo il sequestro impeditivo dei bonus fiscali sul cassetto fiscale del cessionario in buona fede

Legittimo il sequestro preventivo d’urgenza nell’indagine per truffa aggravata sui bonus facciate anche colpisce il cassetto fiscale del cessionario in buona fede, che è pure indicato come persona offesa del reato contestato. Il provvedimento, infatti, ha natura impeditiva: serve a non far aggravare le conseguenze dell’illecito ipotizzato e ben può essere disposto anche a carico del terzo estraneo al reato. E chi ha acquistato il credito d’imposta ignorando che fosse privo di titolo non può utilizzarlo: portando in compensazione un beneficio fiscale inesistente compierebbe reato. Ed è l’articolo 28 ter del decreto legge 22/2022 a prevedere espressamente il sequestro a carico del cessionario.

Lo ha stabilito la Cassazione con sentenza 44647 del 23 novembre 2022 con cui ha accolto il ricorso della Procura.

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

8.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi