Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Deducibili i costi per operazioni soggettivamente inesistenti: non conta la consapevolezza della frode
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 30-07-2020

Deducibili i costi per operazioni soggettivamente inesistenti: non conta la consapevolezza della frode

Deducibili i costi per operazioni soggettivamente inesistenti: non conta la consapevolezza della frode

In tema di frodi carosello, sono deducibili i costi effettivamente sostenuti a fronte di fatture soggettivamente inesistenti pur nella consapevolezza della frode carosello. Ciò purché l’acquirente non li abbia usati direttamente per compiere il delitto ma, come in questo caso, per poterli successivamente commercializzare. Confermato invece il recupero Iva.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 15599 del 22 luglio 2020, ha accolto il ricorso di una società e dei relativi soci.

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

7.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi