Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Indagini finanziarie: le giustificazioni del contribuente devono essere analitiche
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 25-05-2020

Indagini finanziarie: le giustificazioni del contribuente devono essere analitiche

Indagini finanziarie: le giustificazioni del contribuente devono essere analitiche

L’accertamento fiscale sui conti correnti bancari è lecito solo quando il giudice abbia esaminato, punto per punto, tutte le giustificazioni fornite dal contribuente sulle operazioni considerate dall’ufficio come sospette e recuperate a tassazione. È necessario un esame analitico degli estratti e dei movimenti poco chiari.

Lo ha ricordato la Corte di cassazione che, con l’ordinanza n. 9423 del 22 maggio 2020, ha accolto il ricorso dell’Agenzia delle entrate.

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

7.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi