Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Credito chiesto a rimborso dal contribuente: legittima la richiesta di compensazione legale avanzata dall’Agenzia delle entrate
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 09-08-2019 alle 07:39

Credito chiesto a rimborso dal contribuente: legittima la richiesta di compensazione legale avanzata dall’Agenzia delle entrate

Credito chiesto a rimborso dal contribuente: legittima la richiesta di compensazione legale avanzata dall’Agenzia delle entrate

Qualora il contribuente agisca in giudizio per ottenere il rimborso di un proprio credito di imposta, l'Amministrazione finanziaria, ferma restando la facoltà di esercitare discrezionalmente i poteri autoritativi di sospensione del pagamento delle somme pretese dal creditore e di pronuncia di compensazione nel caso sia a propria volta titolare di controcrediti tributari nei confronti del contribuente, è comunque legittimata, nel corso del giudizio instaurato dal contribuente creditore, ad opporre in compensazione ai sensi dell'art.1243 cod.civ., i propri crediti certi, liquidi ed esigibili, spettando conseguentemente al giudice la verifica della ricorrenza dei requisiti richiesti per la pronuncia della compensazione legale.

Lo ha stabilito la Cassazione con ordinanza 21082 del 7 agosto 2019 con cui ha accolto il motivi di ricorso presentato dall’Agenzia delle entrate.