Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Non sussiste il reato di emissione di fatture false se a disconoscere il documento è l’amministratore “testa di legno” della società utilizzatrice
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 12-06-2019 alle 02:00

Non sussiste il reato di emissione di fatture false se a disconoscere il documento è l’amministratore “testa di legno” della società utilizzatrice

Non sussiste il reato di emissione di fatture false se a disconoscere il documento è l’amministratore “testa di legno” della società utilizzatrice

L’imprenditore non può essere condannato per il reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti se la fattura è disconosciuta dall’amministratore della società utilizzatrice che risulta essere “la testa di legno”.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 25552 del 10 giugno 2019, ha accolto il secondo motivo del ricorso presentato da un manager condannato anche per bancarotta fraudolenta.