Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Nulla l’iscrizione di ipoteca “a sorpresa” da parte dell’agente della riscossione
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 15-05-2019 alle 02:00

Nulla l’iscrizione di ipoteca “a sorpresa” da parte dell’agente della riscossione

Nulla l’iscrizione di ipoteca “a sorpresa” da parte dell’agente della riscossione

In tema di riscossione coattiva delle imposte l'amministrazione finanziaria prima di iscrivere l'ipoteca sui beni immobili deve comunicare al contribuente che procederà all'iscrizione concedendogli un termine di 30 giorni per presentare osservazioni o procedere con il pagamento.

Sono infatti nulli gli atti a sorpresa compiuti dall’amministrazione finanziaria in danno del contribuente, in questo caso l’iscrizione di ipoteca preceduta da alcune cartelle esattoriali risalenti a più di un anno prima.

Lo ha ribadito la Cassazione che, con la sentenza n. 12237 del 9 maggio 2019, ha respinto il ricorso dell’agente della riscossione confermando così la pronuncia della Corte d’appello che aveva annullato l’ipoteca iscritta per debiti relativi a violazioni al codice della strada.