Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Contratti ad esecuzione periodica: variazione Iva ok in caso di inadempimento solo del consumatore
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 15-05-2019 alle 02:00

Contratti ad esecuzione periodica: variazione Iva ok in caso di inadempimento solo del consumatore

Contratti ad esecuzione periodica: variazione Iva ok in caso di inadempimento solo del consumatore

Nei contratti ad esecuzione continuata o periodica, come quelli di abbonamento a servizi telefonici, a fronte della risoluzione per inadempimento da parte del consumatore finale, il prestatore, in base alla norma sopravvenuta introdotta dall’articolo 1, comma 126, L. 208/2015 (Legge di Bilancio 2016), ha la facoltà di variare in diminuzione la base imponibile dell’IVA in relazione alle prestazioni eseguite e non remunerate anteriormente alla risoluzione.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 12468 del 10 maggio 2019 in merito alla portata dell’articolo 26, comma 9, D.P.R. 633/1972, che nella formulazione novellata dalla Legge di Bilancio 2016 disciplina l’ipotesi della variazione in diminuzione da operare per i contratti ad esecuzione continuata o periodica, risolti a seguito dell’attivazione, da parte del cedente/prestatore, della clausola risolutiva espressa collegata al mancato pagamento del corrispettivo da parte del cessionario/committente.