Tutti i contenuti
Info Fisco 076 / 2404/06/2024

Trust - Compilazione del quadro RW - Registro dei Titolari effettivi

Trust - Compilazione del quadro RW - Registro dei Titolari effettivi

Per quanto riguarda i titolari effettivi di trust, va osservato che:

  • da una parte, il trustee è tenuto a raccogliere e conservare le informazioni anagrafiche circa i titolari effettivi del trust
  • dall’altra, sussistono particolari obblighi per i titolari effettivi di trust che detengono beni all’estero.

Il Decreto Antiriciclaggio prevede, inoltre, il nuovo obbligo di segnalazione dei titolari effettivi del trust nel nuovo Registro dei titolari effettivi tenuto presso il Registro imprese, in una sezione speciale di tale Registro.

Nel seguito si analizza:

  • come compilare la “pratica T.E.” per adempiere al primo popolamento del registro speciale dei titolari effettivi in presenza di un trust
  • le casistiche di compilazione del quadro RW in capo a titolari effettivi residenti in Italia di Trust che detengono patrimoni all’estero.

Si ricorda che, a seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato del 17/05/2024, è sospesa la consultazione dei dati e delle informazioni sulla titolarità effettiva e le richieste di accesso da parte dei soggetti legittimati.

File allegati:
RF076_TRUST_COMPILAZIONE_DEL_QUADRO_RW_REGISTRO_DEI_TITOLARI_EFFETTIVI.pdf
Per continuare la lettura...
Sei già registrato? Accedi
Info Fisco 101 / 2419/07/2024
Visto di conformità sui modelli Redditi ed Irap 2024
L’utilizzo in compensazione orizzontale dei crediti rivenienti dai modelli Redditi ed Irap: per un importo superiore a 5.000 richiede la preventiva presentazione della dichiarazione munita del visto di conformità. Il limite di importo è innalzato come segue, per i soggetti ISA che ottengono i seguenti punteggi ISA: a . 20.000: per punteggi almeno pari a 8 sul 2023 o a 8,5 quale media dei punteggi 2022 e 2023 a . 50.000: per punteggio almeno pari a 9 sul 2023 o quale media dei punteggi degli Isa 2022 e 2023.
Info Fisco 100 / 2418/07/2024
Modello Redditi SC - Prospetto delle riserve
Le società di capitali sono tenute ad indicare, nell’apposito Prospetto del capitale e delle riserve del quadro RS del mod. Redditi SC, i dati relativi ai saldi iniziali e finali del patrimonio netto e alle movimentazioni intervenute nel 2023.
Info Fisco 099 / 2417/07/2024
Deduzioni Irap da lavoro dipendente
La disciplina Irap, a fronte dell’indeducibilità generalizzata del costo del lavoro, prevede una serie di deduzioni in relazione al medesimo costo. Di seguito si analizzano dette deduzioni, alla luce del riordino operato dal legislatore dal periodo 2021, ispirato ai seguenti principi: per i lavoratori a tempo indeterminato: opera la deduzione integrale del costo del lavoro per i lavoratori a tempo determinato: continuano ad applicarsi le preesistenti deduzioni.
Info Fisco 098 / 2416/07/2024
Concordato preventivo biennale - Le ipotesi di decadenza
Prima di decidere se accedere al concordato preventivo biennale, i contribuenti devono valutare il rischio implicito nella possibile decadenza derivante da determinate violazioni, tra cui l’aver falsato: il risultato reddituale 2023, 2024 e/o 2025 per più del 30 dei ricavi dichiarati il risultato dei mod. ISA dei precedenti periodi di imposta in modo tale che il reddito proposto risulti inferiore per più del 30 rispetto al reddito dichiarato.
Info Fisco 097 / 2415/07/2024
Periodo feriale – Sospensione dei termini processuali
Dal 1/08 al 31/08 opera la sospensione feriale dei termini processuali del contenzioso, applicabile: per la proposizione del ricorso e degli appelli per la costituzione in giudizio del ricorrente (30 gg) e del resistente (60 gg) per gli adempimenti richiesti per l’applicazione di alcuni istituti deflativi del contenzioso. Al contrario, la sospensione non opera per tutti i termini aventi natura amministrativa.
Info Fisco 096 / 2411/07/2024
Spese per alberghi e ristoranti nel Mod. Redditi 2024
Le spese per alberghi e ristoranti possono essere sostenuti, nell’esercizio dell’attività d’impresa: da soggetti differenti (amministratori, dipendenti, soci) ma anche in luoghi differenti (all’interno o all’esterno del territorio comunale o all’estero), ovvero con diversa finalità (pausa lavorativa o rappresentanza). incidendo, ciò, sulla deducibilità della spesa ai fini delle imposte dirette. In relazione all’IRAP, occorre distinguere tra le società (posta l’esclusione soggettiva dall’imposta per le imprese in forma individuale): che applicano l’art. 5 del Dlgs 466/97 (soggetti IRES e sogetti IRPEF per opzione): il principio della derivazione dal bilancio che dovrebbe garantire la piena deducibilità di tali spese che applicano l’art. 5-bis del Dlgs 466/97 (sogetti IRPEF senza opzione): per le quali valgono le regole fissate nell’ambito dell imposte dirette.
Info Fisco 095 / 2410/07/2024
Decreto Coesione - La conversione in legge
La recente conversione in legge del DL n. 60/2024 (cd. Decreto Coesione) ha sostanzialmente confermato il testo originario, limitandosi ad alcune modifiche e integrazioni.
Info Fisco 094 / 2408/07/2024
Le nuove sanzioni in materia di Imposte Dirette ed IVA
Con l’emanazione del Decreto attuativo della c.d. Riforma fiscale, è stato ridefinito il regime sanzionatorio, sia amministrativo che penale.
Info Fisco 093 / 2406/07/2024
Bonus Arredo – Disciplina e compilazione del Mod. Redditi PF 2024
Si riepilogano di seguito le condizioni per fruire della detrazione cd. Bonus arredo e le modalità di indicazione nel mod.
Info Fisco 092 / 2403/07/2024
Il nuovo ravvedimento operoso da settembre 2024
Il decreto di riforma delle sanzioni tributarie, recentemente pubblicato prevede, a decorrere dal 1/09/2024, una serie di modifiche al ravvedimento operoso. Tra quelle più significative si evidenzia: l’abbattimento delle sanzioni a 1/7 viene estesa al ravvedimento effettuato oltre il termine di presentazione della dichiarazione riferita ai periodi successivi a quelli in cui è stato commesso l’errore (il cd. ravvedimento intermedio viene esteso al ravvedimento lungo, non operando più la riduzione a 1/6) l’abbattimento delle sanzioni a 1/6, 1/5 ed 1/4 opera in ragione dell’avanzamento del procedimento accertativo, in accordo con introduzione del nuovo contraddittorio preventivo per le violazioni dichiarative, troverà applicazione il cumulo giuridico, per quanto limitato al singolo tributo ed al singolo periodo d’imposta.
Info Fisco 091 / 2402/07/2024
La inerenza dei costi in ambito IRAP
La deducibilità dei costi ai fini dell’IRAP si fonda sul principio della derivazione dal bilancio, diversamente dall’IRES che richiede, anche, la necessaria sussistenza della inerenza. Tale ultimo principio non è invece specificatamente normato ai fini dell’IRAP anche se tale spazio vuoto è stato colmato dai chiarimenti di prassi e della giurisprudenza.
Info Fisco 090 / 2401/07/2024
Divieto di compensazione in presenza di ruoli superiori a . 100.000 - Chiarimenti
Tra i chiarimenti più significativi forniti dall’Agenzia delle entrate delle Entrate in relazione al divieto di compensazione orizzontale nel mod. F24 in presenza di ruoli scaduti di ammontare complessivo superiore a . 100.000, a decorrere dal 1 luglio 2024, si evidenzia quanto segue: il verificarsi della condizione non permette l’utilizzo dell’eccedenza (è prima necessario utilizzare il credito per compensare i ruoli scaduti, portandoli ad un importo inferiore a . 100.000) nel limite di . 100.000 vanno esclusi gli interessi di mora e l’aggio il divieto è esteso ai crediti di natura agevolativa (in generale, da indicare nel quadro RU del mod.
Info Fisco 089 / 2427/06/2024
Superdeduzione delle nuove assunzioni – Il decreto attuativo
Il MEF ha emanato le disposizioni attuative dell’agevolazione introdotta a favore di imprese e lavoratori autonomi che nel 2024 effettuano nuove assunzioni a tempo indeterminato, che consiste: nella maggiorazione del 20 del costo deducibile riferibile all’incremento occupazionale incrementata al 30 in relazione alle assunzioni di lavoratori svantaggiati. L’agevolazione spetta a condizione che, nell’intero 2024, sia verificato un incremento occupazionale: il numero dei dipendenti a tempo indeterminato al 31/12/2024 deve essere superiore al numero dei dipendenti a tempo indeterminato mediamente occupato nel 2023 il numero totale al 31/12/2024 dei lavoratori dipendenti sia superiore a quello dei dipendenti mediamente occupati nel 2023.
Info Fisco 088 / 2426/06/2024
Il bilancio ordinario degli ETS e il deposito al RUNTS
Gli Enti del Terzo Settore che non possiedono i requisiti per redigere il Rendiconto per cassa: devono redigere il bilancio d’esercizio formato dallo Stato patrimoniale, dal Rendiconto gestionale e dalla Relazione di missione (che illustra le poste di bilancio, l'andamento economico e gestionale dell'ente e le modalità di perseguimento delle finalità statutarie) secondo gli appositi schemi forniti dal DM 5/03/2020 del Ministero del Lavoro. Di seguito si presenta il modello di Bilancio di Esercizio che presenta numerose analogie con il bilancio delle società; a tal fine si evidenziano le specificità del bilancio degli ETS.
Info Fisco 087 / 2425/06/2024
Srl e distribuzione utili – Criticità - Dottrina e giurisprudenza
La corretta determinazione degli utili di bilancio transita attraverso norme sostanziali e procedurali che mirano, essenzialmente, alla tutela dell’interesse: non solo della società e dei soci ma anche dei creditori e di tutti coloro che ne abbiano interesse, in generale. Si analizza il processo di determinazione del risultato di esercizio, alla luce dei possibili vizi che possono inficiarlo, alla luce della posizione della giurisprudenza e della dottrina.
Info Fisco 086 / 2421/06/2024
Il rendiconto per cassa degli Enti del Terzo Settore
Il Codice del Terzo Settore prevede che il bilancio degli ETS con ricavi/rendite/proventi o entrate comunque denominate inferiori a . 220.000 può essere redatto nella forma del rendiconto per cassa, secondo gli schemi del DM 5/03/2020 del Ministero del Lavoro, circa la cui applicazione il Ministero è intervenuto a fornire chiarimenti con la Nota del 14/07/2022. Di seguito si analizzano le modalità di redazione del Rendiconto, evidenziando le specificità collegate a questo tipo di rendicontazione, alla luce dei chiarimenti del documento del CNDCEC di aprile 2024.
Info Fisco 085 / 2420/06/2024
Emendabilità degli errori dichiarativi
La emendabilità degli errori dichiarativi muove dal combinato disposto: dell’art. 2 c. 8 e 8-bis, relativamente alle dichiarazioni integrative dell’art. 43 del DPR n. 600/73, relativamente ai termini decadenziali previsti in materia di dichiarazioni dell’art. 38 c. 1, DPR n. 602/73, in materia di rimborso e degli artt. 19 e 21, del DPR n. 546/92, in materia di contenzioso tributario. Detta emendabilità dipende dalla natura dell’errore posto in essere, in quanto gli errori di scienza: risultano sempre emendabili fino a prescrizione del periodo d’imposta le manifestazioni di volontà (come, ad esempio, le opzioni): in generale sono emendabili solo entro 90 giorni dal termine per l’invio della dichiarazione.
Info Fisco 084 / 2419/06/2024
Rimborsi ai volontari sportivi e altre novità del Correttivo
Il recente correttivo della riforma dello sport ha aggiornato la disciplina del volontariato, prevedendo, a decorrere dal 1/06/2024, la sostituzione della previgente disciplina dei rimborsi analitici con l’introduzione dei rimborsi forfettari: estesi a tutte le tipologie di spese (anche sostenute per trasferta nel comune di residenza) e di attività svolte come disciplinate dall’ente sportivo purché svolte in occasione di eventi sportivi riconosciuti e nel limite di . 400 complessivi mensili. Sono, inoltre, introdotte novità per il lavoro sportivo svolta dai pubblici dipendenti ed è ridefinito l’inquadramento fiscale del reddito da prestazioni sportive non rientranti nel lavoro dipendente/co.co.co.
Info Fisco 083 / 2418/06/2024
Plusvalenze immobiliari da Superbonus – Chiarimenti dell’Agenzia
L’Agenzia ha recentemente fornito i primi chiarimenti sulla disciplina delle plusvalenze da cessione di immobili interessati da interventi Superbonus. Tra i chiarimenti più significativi si evidenzia quanto segue: la tassazione opera indipendentemente dalla tipologia del fabbricato oggetto degli interventi anche nel caso di fabbricato interessato dalla detrazione per interventi effettuati sulle parti comuni nel presupposto che gli interventi siano regolamentati dall’art. 119, DL 34/2020 l’imponibilità rileva in relazione alla prima cessione (non anche per eventuali cessioni successive) il costo storico del fabbricato si incrementa parzialmente (al 50) o non si incrementa per i costi sostenuti per l’intervento Superbonus nel solo caso in cui l’agevolazione sia stata fruita con aliquota del 110 e, congiuntamente, il committente abbia fruito dell’opzione per la cessione del credito/sconto in fattura.
Info Fisco 082 / 2417/06/2024
Concordato preventivo biennale - Tuttoesempi
In seguito all’emanazione del decreto attuativo da parte del MEF, diventa operativa l’intera architettura del Concordato preventivo biennale. In una precedente informativa si è dato conto delle novità normative intervenute, riferite alle modalità con cui l’Agenzia Entrate procede a determinare il reddito da proporre al contribuente.