Tutti i contenuti
Info Fisco 035 / 2414/03/2024

Riforma dello Statuto del contribuente (2° parte)

Riforma dello Statuto del contribuente (2° parte)

Dal 18/01/2024 è entrata in vigore la riforma dello “Statuto del contribuente”, in attuazione della Legge delega.

Nella presente seconda parte si conclude l’analisi delle novità introdotte.

File allegati:
RF035_RIFORMA_DELLO_STATUTO_DEL_CONTRIBUENTE_2_parte.pdf
Per continuare la lettura...
Sei già registrato? Accedi
Info Fisco 071 / 2423/05/2024
Acconto IMU 2024 entro il 17 giugno
Il prossimo 17 giugno scade il termine per il versamento della 1 rata dell’IMU dovuta per il 2024. A tal fine merita evidenziare quanto segue: occupazioni abusive: sono esenti dall’imposta gli immobili per i quali sia stata presentata regolare denuncia penale di occupazione abusiva abitazione principale: se i coniugi risiedono in immobili diversi (nel medesimo Comune o meno), l’esenzione si applica in via autonoma per ciascuno di essi pensionati residenti all'estero: se in possesso di pensione maturata in regime di convenzione internazionale l’imposta è ridotta al 50.
Info Fisco 070 / 2422/05/2024
Modello Redditi PF 2024 Fascicolo 1 – Le novitá
Tra le principali novità del mod. Redditi PF 2024 si evidenzia quanto segue: mod.
Info Fisco 069 / 2420/05/2024
Riapertura del Ravvedimento speciale - Chiarimenti dell'Agenzia
L’Agenzia delle Entrate ha recentemente fornito chiarimenti in relazione alle novità normative che hanno interessato il cd. ravvedimento speciale, con riferimento alla possibilità di effettuare, entro il 31/05/2024, la definizione agevolata delle violazioni commesse: nelle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2022 nelle dichiarazioni presentate fino al periodo d’imposta 2021. Con riferimento a quest’ultima, l’Agenzia ha effettuato una riapertura totale, nel senso che ha ammesso: i soggetti che non hanno perfezionato la regolarizzazione entro il 30/09/2023 i soggetti che hanno perfezionato la regolarizzazione in relazione ad alcune violazioni per un periodo d’imposta possono regolarizzare anche le altre violazioni del medesimo periodo d’imposta p altre violazioni riferite a diversi periodi di imposta precedentemente non definiti rimanendo esclusa la remissione in bonis per i soggetti che siano decaduti per omesso/tardivo versamento.
Info Fisco 068 / 2417/05/2024
"Decreto Coesione" - Le principali misure
Nell’ambito delle principali misure previste dal D.L. 60/2024 (c.d. Decreto Coesione), in vigore dall’8/05/2024, si segnalano le seguenti: bonus ZLS: in relazione agli investimenti in beni strumentali realizzati dall’8/05/2024 fino al 15/11/2024 è concesso un nuovo credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi incentivi all’autoimpiego: a sostegno dell'avvio di attività d’impresa/di lavoro autonomo (sia in forma individuale che societaria) per i giovani under 35 disoccupati o in particolari condizioni di svantaggio, è disposta la possibilità di accedere ad un voucher di spesa o ad un contributo a fondo perduto di importo variabile a seconda che l’attività sia localizzata nel Mezzogiorno o in altri Regioni contrasto al lavoro sommerso: sono introdotte modifiche alla disciplina della congruità dell’incidenza della manodopera nei lavori edili.
Info Fisco 067 / 2416/05/2024
Locazioni brevi dal 2024 – Chiarimenti dell’Agenzia
Con riferimento alle novità introdotte dalla legge di bilancio 2024 al regime delle locazioni brevi, l'Agenzia delle Entrate ha recentemente fornito chiarimenti in relazione: all'incremento dell’aliquota della cedolare secca: in caso di locazione di più di 1 immobile in regime di cedolare secca, l’aliquota del 21 è applicabile ad 1 solo immobile, applicandosi l’aliquota del 26 agli altri; l’incremento opera col pro rata temporis, per la quota parte di canone di competenza del 2024 agli obblighi in capo agli intermediari laddove incassano i canoni dei contratti di locazione o intervengano, comunque, nel loro pagamento, ai fini dell’applicazione della ritenuta: l’aliquota della ritenuta rimane del 21 (scomputabile dalla cedolare secca o dall’Irpef) è sempre operata a titolo d’acconto (e non più d’imposta in presenza di cedolare secca) sono introdotte nuove disposizioni per effettuare l’adempimento per i soggetti non residenti.
Info Fisco 066 / 2415/05/2024
OIC 5 – Bilanci di liquidazione – Documento di revisione in bozza
Il nuovo progetto di OIC 5 pubblicato dall’OIC, appunto, intitolato Bilanci di liquidazione, si occupa specificatamente dei temi tecnico-contabili di tali documenti e in particolare: sulla forma di tali bilanci e sui criteri di valutazione applicati.
Info Fisco 065 / 2413/05/2024
Imposta sul valore delle cripto-attività (IVCA)
La Legge di bilancio 2023 ha introdotto, a decorrere dal 2023: la imposta sul valore delle cripto-attività dovuta dai contribuenti (privati o titolari di P.Iva) per i quali non è presente un intermediario che sia tenuto ad applicare l’imposta di bollo (del 2 per mille) prevista per le attività finanziarie. La nuova imposta mutua i medesimi criteri applicativi dell’imposta di bollo e dell’IVAFE; se ne discosta, tuttavia, per il fatto che va autoliquidata dal contribuente (al pari dell’IVAFE).
Info Fisco 064 / 2410/05/2024
Sopravvenienze, plusvalenze e perdite nella Crisi d’impresa
L’insorgere di una procedura concorsuale prevede alcune agevolazioni dal punto di vista reddituale: la sopravvenienza attiva derivante dalla riduzione dei debiti risulta detassata: per l’intero: in presenza di istituti liquidatori parzialmente: in presenza di istituti di risanamento; a tal fine l’Agenzia delle entrate è recentemente intervenuta a chiarire il meccanismo di determinazione delle quote detassate plusvalenze: non sono fiscalmente rilevanti negli istituti liquidatori; lo sono integralmente in caso contrario perdite su crediti: è prevista la deducibilità anticipata al momento in cui interviene la procedura. Si fa il punto della situazione, con uno sguardo alla possibile evoluzione nell’ambito della Riforma fiscale.
Info Fisco 063 / 2409/05/2024
Informativa in bilancio sulle erogazioni pubbliche - Il punto
Gli obblighi di trasparenza delle erogazioni pubbliche per gli importi percepiti nel 2022, da rendicontare nel 2023, sono una fattispecie di non immediata gestione. Di seguito si propone una analisi dell’adempimento alla luce della prassi e delle novità normative.
Info Fisco 062 / 2407/05/2024
Mod 730-2024 Quadro L ed W – Tuttoesempi
Si conclude il modulo relativo alle esemplificazioni di compilazione del Mod. 730 con: il quadro L del modello 730/2024 (ulteriori dati) il quadro W del modello 730/2024 (investimenti e attività estere) sempre relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati di note illustrative.
Info Fisco 061 / 2406/05/2024
Mod 730-2024 - Quadro G ed I – Tuttoesempi
Si propongono alcune esemplificazioni di compilazione del Mod. 730 relative al: quadro G del modello 730/2024 (crediti d’imposta) quadro I del modello 730/2024 (imposte da compensare) sempre relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati di note illustrative.
Info Fisco 060 / 2403/05/2024
Mod 730-2024 - Quadro F – Tuttoesempi
Si propongono alcuni esempi di compilazione del quadro F (Acconti, ritenute, eccedenze e altri dati) del mod 730/2024, relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati di note illustrative.
Info Fisco 059 / 2402/05/2024
Mod 730-2024 - Quadro E – Tuttoesempi (2 Parte)
Si prosegue negli esempi di compilazione del quadro E del modello 730/2024 (oneri deducibili/detraibili) relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza.
Info Fisco 058 / 2430/04/2024
Mod 730-2024 - Quadro E – Tuttoesempi (1 Parte)
Si propongono una serie di esempi di compilazione del quadro E del modello 730/2024 (oneri deducibili/detraibili) relativi alle fattispecie più frequenti, corredati delle relative note illustrative.
Info Fisco 057 / 2429/04/2024
Mod 730-2024 - Quadro D – Tuttoesempi
Si propongono una serie di esempi di compilazione del quadro D del modello 730/2024 (redditi di capitali e redditi diversi) relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati delle relative note illustrative.
Info Fisco 056 / 2426/04/2024
Mod 730-2024 - Quadro C – Tuttoesempi
Si propongono una serie di esempi di compilazione del quadro C del modello 730/2024 (reddito di lavoro dipendente e assimilato) relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati delle relative note illustrative.
Info Fisco 055 / 2424/04/2024
Mod 730-2024 - Quadro B – Tuttoesempi
Si propongono gli esempi di compilazione del quadro B del modello 730/2024 (reddito di fabbricati) relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati delle note illustrative.
Info Fisco 054 / 2423/04/2024
Mod 730-2024 - Quadro A – Tuttoesempi
Come di consueto, si propongono una serie di esempi di compilazione del quadro A del modello 730/2024, relativi alle fattispecie che si presentano con più frequenza, corredati di note illustrative.
Info Fisco 053 / 2418/04/2024
Quadro RU dei crediti d’imposta nel Mod. Redditi 2024 – Le novità
il quadro RU della dichiarazione dei redditi è stato oggetto di numerosi interventi sia dal punto di vista legislativo che per quanto attiene il contenuto. In particolare, il decreto Adempimenti ha previsto la progressiva riduzione delle informazioni da fornire, in applicazione del quale: è modificata la struttura del quadro, accorpando tre precedenti sezioni alla Sezione I (cd. multi-modulo) una serie di codici tributo non vengono più riepilogati nel quadro Inoltre, la Sezione II, dedicata ai bonus Transizione 4.0, non riporta più l’indicazione: del titolare effettivo e del rispetto del principio di divieto di doppio finanziamento.
Info Fisco 052 / 2416/04/2024
Perdite di bilancio 2023 – La gestione alla luce della dottrina
Gli obblighi di ricapitalizzazione al ricorrere di perdite di bilancio, dopo un periodo di sterilizzazione facoltativa quinquennale delle perdite realizzate dal 2020 al 2022, torna ad essere quella ordinaria, che distingue tra le perdite (incluse quelle pregresse) superiori a 1/3 del capitale sociale che: portano o meno il capitale sociale al di sotto del minimo legale o mantengono il capitale al di sopra del minimo legale differenziandone il relativo trattamento. Quest’anno non si potrà, pertanto, sospendere gli effetti della eventuale perdita 2023; tuttavia, tra le perdite pregresse che assumono rilevanza per gli obblighi di cui sopra non rientrano ancora quelle sterilizzate.