Tutti i contenuti
Info Fisco 140 / 2201/12/2022

Acconto Iva 2022 entro il 27 dicembre

Acconto Iva 2022 entro il 27 dicembre

Entro il prossimo 27/12/2022 va effettuato il versamento dell'acconto IVA per l’anno 2022.

È ammesso utilizzare il criterio “storico”, “previsionale” o “delle operazioni effettuate” fino al 20/12.

L’importo versato sarà scomputato dalla liquidazione periodica del mese di dicembre (mensili), del quarto trimestre (trimestrali speciali) o in sede di dichiarazione annuale (soggetti trimestrali).

Il versamento non è dovuto se di importo inferiore ad €. 103,29.

File allegati:
RF140_ACCONTO_IVA_2022_ENTRO_IL_27_DICEMBRE.pdf
Per continuare la lettura...
Sei già registrato? Accedi
Tool Applicativi 26/01/2024
Contenzioso – I termini per impugnare avvisi di accertamento (dal 4/01/2024) e sentenze - Le notifiche
Il tool determina automaticamente i termini per l'impugnazione sia degli avvisi di accertamento (1 grado) che delle sentenze (2 grado) o del ricorso in Cassazione, considerando gli effetti: della sospensione del periodo feriale dal 1/08 al 31/08 di ciascun anno del differimento in presenza di richiesta di adesione all'accertamento. Il tool considera il differimento al primo giorno feriale nel caso di termine finale cadente di sabato/domenica o in una festività nazionale.
Videoconferenze Master 08/04/2024
Il decreto attuativo della riforma in tema di fiscalità internazionale
Videocorso del: 08 Aprile 2024 alle 15.00 - 17.00 (Durata 2 hh) Cod. 219604 Accreditato ODCEC Patti (Me) - (crediti n 2) Solo partecipazione Live Relatori: Dott. Enio Vial, Silvia Bettiol e Adriana Barea Istruzioni per la visione della Videoconferenza: Il giorno stesso della Videoconferenza, 2h e 1h prima dell'inizio programmato verrà inviata e-mail contenente il link per la visione della diretta, servirà premere il bottone blu "partecipa al webinar" (nell'e-mail) qualche minuto prima dell'inizio.
Videoconferenze Master 04/04/2024
Il mandato professionale e la gestione dei rapporti con i vecchi e nuovi clienti
Videocorso del: 04 Aprile 2024 alle 15.00 - 18.00 (Durata 3 hh) Cod. 219377 Accreditato ODCEC Patti (Me) - (crediti n 3) Solo partecipazione Live Relatori: Dott. Danilo Sciuto Istruzioni per la visione della Videoconferenza: Il giorno stesso della Videoconferenza, 2h e 1h prima dell'inizio programmato verrà inviata e-mail contenente il link per la visione della diretta, servirà premere il bottone blu "partecipa al webinar" (nell'e-mail) qualche minuto prima dell'inizio.
Fisco passo per passo 01/03/2024
Regime fiscale agevolato per la promozione e lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile nel settore agricolo
E' stato approvato in via definitiva (dal Senato) la legge (DDL 931) contenente disposizioni per la promozione e lo sviluppo dell'imprenditoria giovanile nel settore agricolo. Il provvedimento, che si compone di 13 articoli suddivisi in cinque Capi, sottolineando l'importanza di affrontare le difficoltà che i giovani imprenditori agricoli incontrano nell'insediamento e nella permanenza nel settore attraverso misure concrete, tra cui: l'istituzione di un fondo per il primo insediamento dei giovani, agevolazioni fiscali, crediti d'imposta per la formazione e la partecipazione ai corsi, istituzione di un osservatorio nazionale per l'imprenditoria giovanile in agricoltura.
Fisco passo per passo 01/03/2024
CNDCEC - chiarimenti sul riconoscimento della formazione per l’iscrizione all’Albo crisi d'impresa
Con l’informativa n. 23/2024 del 28/02/2024, il CNDCEC ha fornito chiarimenti in merito al riconoscimento della formazione per l’iscrizione all’albo ex art. 356 Codice della Crisi (CCII) anche per i gestori della crisi da sovraindebitamento ai sensi del comma 6, art. 4 del DM 202/2014. In particolare, nel caso in cui si chiedano in accreditamento i corsi di formazione iniziale e/o di aggiornamento nella materia della crisi d’impresa e dell’insolvenza utili per l’iscrizione e per il mantenimento dell’iscrizione nell’albo di cui all’art. 356 CCII, al fine dell’accreditamento dell’evento sarà necessario: specificare nella locandina dell’evento, che il corso è valido anche ai fini dell’assolvimento formativo di cui all’art. 4, comma 5, lettere b) e d) del DM 202/2014; indicare nella locandina dell’evento, le lezioni che consentono l’assolvimento formativo di cui all’art. 4, comma 5, lettere b) e d) del DM 202/2014 (le ore dell’evento per le quali si chiede l’equipollenza non dovranno essere inferiori a 12); indicare i codici materia riportati nella tabella che segue in corrispondenza dei diversi argomenti del corso definiti coerentemente ai contenuti analitici indicati nel paragrafo 4.4 delle Linee guida adottate dalla Scuola Superiore della Magistratura il 1 febbraio 2023.
Fisco passo per passo 01/03/2024
Conversione DL Milleproroghe 2024 - esenzione Irpef per gli agricoltori per i redditi fino a 10.000
La legge di conversione del DL Milleproroghe 2024 (L. 18/2024), con l’introduzione dell’articolo 13, commi 3-bis, 3-ter e 3-quater nel DL 215/2023 – ha disposto l’esenzione IRPEF per gli agricoltori, per i redditi fino a 10.000 ART. 13, C. 3BIS, dl 215/2023 3-bis. All'articolo 1, comma 44, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, e' aggiunto, in fine, il seguente periodo: "Per gli anni 2024 e 2025 i redditi dominicali e agrari dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli professionali di cui al predetto articolo 1 del decreto legislativo n. 99 del 2004 iscritti nella previdenza agricola, diversi dalle societa' che hanno esercitato l'opzione di cui all'articolo 1, comma 1093, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, concorrono, considerati congiuntamente, alla formazione del reddito complessivo nelle seguenti percentuali: a) fino a 10.000 euro, 0 per cento; b) oltre 10.000 euro e fino a 15.000 euro, 50 per cento; c) oltre 15.000 euro, 100 per cento".
Fisco passo per passo 01/03/2024
Conversione DL Milleproroghe 2024 - conferma IVA enti associativi dal 2025
L'art. 3, c. 12-sexies del DL 215/2023 (introdotto in sede di conversione) prevede il differimento fino al 31/12/2024 del regime di esclusione da IVA per gli enti associativi. Si prevede, in sostanza, la proroga dal 1 luglio 2024 al 1 gennaio 2025 del passaggio dal regime di esclusione IVA al nuovo regime di esenzione per gli Enti del terzo settore REGIME DI "COMMERCIALITÀ" DELLE OPERAZIONI NEI CONFRONTI DEGLI ASSOCIATI L’art. 4 del DPR 633/72 dispone che si considerano in ogni caso effettuate nell'esercizio di imprese: le cessioni di beni/prestazioni di servizi rese da enti pubblici/privati, associazioni o altre organizzazioni senza personalità giuridica e da società semplici, che abbiano per oggetto esclusivo/principale l'esercizio di attività commerciali/agricole le cessioni di beni/prestazioni di servizi rese nell'esercizio di attività commerciali/agricole dai suddetti enti non aventi per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali o agricole le cessioni di beni e le prestazioni di servizi fatte dai suddetti enti ai propri soci, associati o partecipanti.
Fisco passo per passo 01/03/2024
Conversione DL Milleproroghe 2024 - conferma anche per il 2024 del credito d’imposta per la quotazione delle PMI
L'art. 3, c. 4-bis e 5-bis, DL 215/2023 (ntrodotto in sede di conversione) dispone la proroga al 2024 del bonus quotazione PMI (tale proroga era stata inserita nella bozza della Legge di bilancio 2024 ma non contenuta nella versione definitiva della Legge). Si ricorda che il c., 395 della Legge di bilancio 2023 ha disposto la proroga al 31/12/2023 del credito d’imposta in favore delle piccole e medie imprese che sostengono spese di consulenza per ottenere la quotazione in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro della UE.
Info Fisco 028 / 2429/02/2024
Conversione del decreto milleproroghe – Principali misure
La legge di conversione del cd. Decreto Milleproroghe ha introdotto numerose disposizioni, oltre a confermare quelle originariamente previste.
Quesiti29/02/2024
comodatario e ristrutturazioni edilizie
Buongiorno, la presente per chiedere se il comodatario di un immobile possa usufruire delle detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia se il contratto di comodato è stato registrato dopo la comunicazione di attività edilizia libera al Comune ma prima dell'avvio degli interventi di ristrutturazione e del pagamento delle relative spese. Grazie In merito al quesito posto si evidenzia che ade nella Circolare 17/2023 contenente la raccolta dei principali documenti di prassi relativi a deduzioni / detrazioni ha affermato, in particolare, che: "La detrazione spetta ai detentori dell’immobile, a condizione che siano in possesso del consenso all’esecuzione dei lavori da parte del proprietario e che la detenzione dell’immobile risulti da un atto (contratto di locazione, anche finanziaria, o di comodato) regolarmente registrato al momento di avvio dei lavori e sussista al momento del sostenimento delle spese ammesse alla detrazione, anche se antecedente il predetto avvio.
L’evoluzione della Giurisprudenza 29/02/2024
L’innalzamento della soglia di agevolazione tributaria non scrimina il reato di omessa dichiarazione
Legittima la condanna per il reato di omessa dichiarazione Iva e Ires il legale rappresentante dell’associazione dilettantistica anche se, rispetto a quando risulta commesso il reato, è stata innalzata la soglia di reddito imponibile per ottenere il regime di favore previsto dalla legge 16/12/1991, n. 398 e dunque il sodalizio vi rientrerebbe ottenendo le aliquote agevolate: la norma in questione, tuttavia, non ha natura penale né ha la funzione di integrare il precetto penale e quindi risulta esclusa l’applicazione del principio secondo cui valgono le disposizioni più favorevoli al reo, mentre vale la normativa vigente al momento del fatto. Lo ha stabilito la Cassazione con sentenza 8644 del 28 febbraio 2024 con cui ha rigettato il ricorso di un imputato.
Info Flash Fiscali 040 / 2429/02/2024
Rottamazione quater – Nuovo calendario e rimessione in termini
Il decreto Milleproroghe 2024, in sede di conversione in legge, ha ulteriormente riaperto i termini di versamento delle rate della Rottamazione-quater, rimodulando le scadenze della 1 e della 2 rata (scadute al 28/12/2023) nonché della 3 rata (scaduta il 28/02/20204) che si ritengono tempestive ove versate entro il 15/03/2024. La riapertura supera, di fatto, quella già introdotta in precedenza dal Decreto Anticipi).
L’evoluzione della Giurisprudenza 29/02/2024
Il reddito da locazione va dichiarato dal proprietario anche quando l’immobile è stato concesso in comodato
Spetta al proprietario dell’immobile il pagamento dell’Irpef si canoni da locazione a terzi del bene anche se questo è stato dato in comodato ai figli. È la proprietà del bene e non la sua disponibilità che rileva ai fini della maturazione del reddito fondiario.
Fisco passo per passo 29/02/2024
Frontalieri in Svizzera: aggiornati i Comuni inclusi
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha rivisitato la lista dei Comuni interessati per i lavoratori frontalieri Italia-Svizzera. In risposta a due interrogazioni parlamentari (nn. 5-02058 e 5-02061), ha fornito due precisazioni sulla tassazione riguardante i lavoratori che risiedono in uno stato ma lavorano nell'altro.
Fisco passo per passo 29/02/2024
Agenzia - audizione per definizione indirizzi operativi uffici dell'Agenzia.
Nel corso dell'audizione del Direttore dell’Agenzia delle entrate e dell’Agenzia delle entrateRiscossione, Ernesto Maria Ruffini, del 27/02/2024 sono stati illustrati gli indirizzi operativi delle strutture dell’Agenzia delle entrate e dell’Agenzia delle entrateRiscossione in relazione al recente Atto di indirizzo concernente gli sviluppi della politica fiscale per il triennio 2024-2026, che è stato approvato lo scorso 28/12/2023. Con specifico riferimento alle attività dell’Agenzia delle entrate, l’Atto di indirizzo 2024-2026 definisce le linee generali di orientamento della politica e della gestione fiscale assegnata all’Agenzia, contestualizzandole nell’attuale quadro macroeconomico nazionale e internazionale.
Notizie Flash 29/02/2024
Accordo Italia e Svizzera: individuazione comuni interessati
Nell’ambito dell'Accordo tra Italia e Svizzera, ai fini dell'individuazione dei vecchi frontalieri da parte dello Stato italiano, si deve qualificare lavoratore frontaliere colui che esercita un'attività dipendente sul territorio di uno dei Cantoni del Ticino, dei Grigioni e del Vallese, e non si richiede l'ulteriore condizione che l'attività sia prestata in un Cantone "frontista" rispetto al comune di residenza. Lo ha precisato il Ministero dell’Economia e delle Finanze del 27 febbraio 2024 alle interrogazione parlamentare n. 5-02058 e 5-02061.
Fisco passo per passo 29/02/2024
Dal 01/03/2024 aumento ritenuta sui bonifici parlanti
L'art. 1, c. 88, L. 213/2023 (Legge di bilancio 2024) ha introdotto: con effetto dal 01/03/2024; l'aumento della ritenuta d'acconto applicata sui bonifici parlanti. In particolare, si prevede una modifica dell'art. 25 del DL 78/2010, che ha imposto a banche e Poste Italiane SPA di operare una ritenuta, (attualmente pari all’8) a titolo di acconto dell’imposta sul reddito dovuta dai beneficiari (Irpef, Ires o imposta sostitutiva dei contribuenti minimi/forfettari), con obbligo di rivalsa, all’atto dell’accredito dei pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o per i quali spetta la detrazione d’imposta.