Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Indeducibili le provvigioni senza la prova dei contratti conclusi
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 11-07-2019 alle 02:00

Indeducibili le provvigioni senza la prova dei contratti conclusi

Indeducibili le provvigioni senza la prova dei contratti conclusi

Sono indeducibili le provvigioni e in generale i componenti negativi che non hanno come conseguenza un ricavo per l’azienda anche se l’agente ha prodotto le fatture emesse. Trattandosi di costi normalmente non necessari e strumentali, sarebbe necessaria la dimostrazione dei risultati conseguiti, ovvero dei contratti conclusi, o un contratto di collaborazione, tanto più ove si tratti dei genitori dei soci.

Lo ha stabilito la Cassazione che, con l’ordinanza n. 18391 del 9 luglio 2019, ha respinto il ricorso di una sas che aveva ricevuto l’accertamento del maggior reddito di impresa e dei soci.