Sei in: Home > Fisco passo per passo > La gestione del reso merce con il registratore telematico
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 16-10-2019 alle 02:00

La gestione del reso merce con il registratore telematico

La gestione del reso merce con il registratore telematico

Anche a seguito dell’introduzione dell’obbligo di invio telematico dei corrispettivi in caso di reso dei beni acquistati, le procedure da seguire ai fini dell’imposta sul valore aggiunto rimangono quelle descritte nelle risoluzioni nn. 154/2001 e 219/2003.

In particolare, la procedura di reso deve fornire tutti quegli elementi che servono a correlare la restituzione del bene ai documenti probanti l’acquisto originario (le generalità dell’acquirente, l’ammontare del prezzo rimborsato, i dati di riferimento del documento certificativo dell’operazione originaria, il numero di identificazione della pratica di reso).

In sostanza, sono garantite le informazioni desumibili dal contenuto della fattura e della nota di variazione (articoli 21 e 26 del Dpr n. 633/1972).