Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > Costi di consulenza – IVA detraibile se il fisco non ne dimostra l’evidente antieconomicità
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 20-09-2020

Costi di consulenza – IVA detraibile se il fisco non ne dimostra l’evidente antieconomicità

Costi di consulenza – IVA detraibile se il fisco non ne dimostra l’evidente antieconomicità

I costi per le consulenze legali sostenuti dalla controllante e riaddebitati alla controllata nellambito di una complessa operazione di acquisizione societaria, si possono detrarre se il giudice non accerta la «evidente incongruità dell’operazione».

Ciò in quanto in tema di detrazione dellIva assolta, il principio di neutralità impone che l'inerenza debba essere valutata secondo un giudizio di carattere qualitativo, e non quantitativo, correlato all'attività di impresa, con la conseguenza che, in tema di IVA, la stessa non può essere esclusa solo in virtù di un giudizio sulla congruità del costo che non condiziona né esclude il diritto alla detrazione, salvo che l'amministrazione finanziaria dimostri la macroscopica antieconomicità della operazione, che costituisce elemento sintomatico dell'assenza di correlazione della stessa con l'esercizio dell'attività imprenditoriale.

A sancirlo è la Cassazione con la sentenza 19341 del 18 settembre 2020 con cui ha accolto il ricorso di una società.

Per continuare la lettura ...

Acquista l'accesso

Acquista l'accesso a questo contenuto.

7.00 € Acquista

Abbonati

Ottieni l'accesso completo a tutti i nostri contenuti e ad altri servizi.

Scopri i nostri abbonamenti
oppure accedi