Chiudi
Sei in: Home > L’evoluzione della Giurisprudenza > La certificazione del credito per le imposte estere secondo la Corte UE
Per poter accedere al contenuto devi autenticarti e essere abbonato a questo servizio o, se possibile, averlo acquistato.
Pubblicato il 11-01-2017 alle 23:00

La certificazione del credito per le imposte estere secondo la Corte UE

La certificazione del credito per le imposte estere secondo la Corte UE

Sono frequenti i casi in cui l’Amministrazione Finanziaria, a seguito di controllo formale ex art. 36 –ter, D.P.R. 600/1973, chieda la documentazione comprovante la definitività delle imposte assolte all'estero ai fini del riconoscimento del «foreign tax credit».

E’ prassi dell’Amministrazione Finanziaria, in tali casi, ritenere insufficiente la documentazione probatoria prodotta dal contribuente, indicando la necessità di esibire documentazione dalla quale risulti l’ammontare del reddito prodotto all’estero e le imposte ivi pagate a titolo definitivo debitamente vistate dall’Amministrazione Finanziaria dello Stato estero.